Tutte le curiosità e i record della finale di Russia 2018

No Comments

Inedita è stata la finale di Russia 2018 tra le compagini di Francia e Croazia, mai incontrate in una sfida decisiva a certi livelli. Prima volta in assoluto per i croati. Oltre al dato di fatto che ha visto la Francia trionfare alla FIFA World Cup 2018 sono diverse le curiosità e le informazioni da appassionati sulla partita di Mosca, come ad esempio, la prima autorete nella storia delle finali mondiali, come prima votla è stata quella del VAR protagonista in una finale con l’assegnazione di un rigore per i bleus nel primo tempo. Ma vediamo in questa lista tutte le curiosità e i record della partita di chiusura di Russia 2018.

Il giocatore più giovane

Kylian Mbappé con i suoi 19 anni e 207 giorni, che già prima del fischio d’inizio era il più giovane francese in campo in una finale Mondiale (e terzo in assoluto dopo Pelé e Bergomi), è poi diventato anche il secondo Under 20 dopo Pelè ad andare in gol.

Il record legato all’Inter

Il gol di Perisic, che ha siglato il momentaneo 1-1, ha rappresentato l’ottava marcatura interista in una finale Mondiale (settimo giocatore diverso a segnare) dopo quelle di Boninsegna, Altobelli, Rummenigge, Brehme, Ronaldo (doppietta) e Materazzi: i nerazzurri diventano così il club i cui giocatori hanno segnato di più in una finale (seguono Santos e Juventus con 5 giocatori in gol e West Ham e Bayern Monaco con 4). Sempre rimanendo in ambito Inter, Perisic è diventato il secondo giocatore dopo Marco Materazzi nel 2006 ad aver segnato e procurato un rigore per gli avversari nello stesso match.

Risultato più largo

Il 4-2 tra Francia e Croazia è il secondo risultato con più gol in una finale dopo il 52 tra Brasile e Svezia del 1958, eguaglia il 4-2 di Uruguay-Argentina del 1930, di Italia-Ungheria del 1938 e di Inghilterra-Germania Ovest del 1966.

L’anno d’oro di Varane

11 vittorie su 11 finali disputate per Varane. Il difensore realizza anche la doppietta vincendo sia mondiali che Champions nello stesso anno sportivo. La stessa impresa è riuscita negli anni solo a Sepp Maier, Paul Breitner, Hans-Georg Schwarzenbeck, Franz Beckenbauer, Gerd Müller e Uli Hoeness nel 1974 e Christian Karembeu nel 1998, Roberto Carlos nel 2002 con Real e Brasile.

Categories: Notizie Sport

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *