Mese: giugno 2018

I tifosi più scatenati a Russia 2018

No Comments

Esemplare, particolare, gioiosa la classifica di eDreams, agenzia di viaggi egemone in Europa che traccia uno spaccato sulle nazionali più calde a livello di supporto alle proprie nazionali, ricostruendo attraverso i dati delle prenotazioni per il paese europeo che ospita i Mondiali nella ventunesima edizione, con tutte le sue curiosità su www.newscalciomercato.eu . Ma chi saranno i tifosi che non passeranno certo inosservati negli stadi che ospiteranno le partite di Russia 2018? Vediamo insieme questa allegra top ten:

Primo posto – Germania

Non una sorpresa anche se lo sembrerebbe. Ma i tifosi della Germania vanno non a riprendersi quando a confermare un primato che avevano già stabilito nella precedente edizione dei mondiali di Brasile 2014, e per come sono andate le cose, hanno e hanno avuto tutte le ragioni per essere numerosi e felici, visto che in Brasile ad alzare la coppa del Mondo è stata proprio la compagine tedesca.

Secondo posto – Francia e Spagna

Il dato di fatto è che la connessione tra viaggio indimenticabile e ipotetica conquista del titolo muove un bel flusso di persone e tifosi speranzosi di assistere al trionfo della propria nazionale in terra zarista. E’ il caso delle tifoserie appartenenti a Francia e Spagna che forti di due formazioni promettenti, giovani e brillanti, hanno invaso stadi e strade russe nella speranza del titolo, che sarebbe il secondo nella storia per entrambe.

Dalla quarta alla nona

Seguono nella classifica i supporters delle nazionali di Regno Unito, Svizzera, Belgio, Danimarca, Portogallo e (a malincuore per fatti noti) la Svezia. Colorati e festosi sono tutti in Russia in una speciale classifica di outsider che si bilanciano nel grande sogno di non essere tra le favorite ma crederci, crederci sempre e arrivare quanto più lontano possibile alla edizione mondiale di Russia 2018.

Fanalino di coda, sorprendentemente, il Brasile

tifosi del Brasile, una delle altre nazioni favorite in questo mondiale, si posizionano ultime a questa particolare classifica. Forse ancora sazi della loro edizione, forse distanti, le grandi danze delle tifose e dei tifosi brasiliani quest’anno non saranno tra i più numerosi.

Un po’ di consolazione per l’Italia… 

Nonostante gli Azzurri non siano presenti al Mondiale, i viaggiatori provenienti dal nostro Paese sono quelli più numerosi tra le nazioni che non partecipano al torneo. Speriamo vada meglio in tutti i campi per i Mondiali di Qatar 2022

Categories: Notizie Viaggiare

I migliori Festival europei dell’estate 2018

No Comments

.Sole, mare, libertà, spensieratezza, ma anche tanta musica. L’estate è la stagione perfetta per unire tutto questo e da molte edizioni ci provano in tanti a concentrare il tutto in eccellenti festival musicali. Il consiglio è di muoversi in tempo così da accaparrarsi subito i biglietti inmodo da non restare delusi, perchè si, finiscono in un batter d’occhio. L’Europa è un continente eccezionale per la proposta musicale dei festival estivi e ne offre tantissimi, dai paesi del Nord sino alla Spagna. Vediamo insieme i 5 festival musical da non perdere assolutamente nell’estate 2018:

Bilbao BBk live

Dal 12 al 14 luglio, il protagonista indiscusso sarà il rock, nel Parco Kobetamendi, alle porte di Bilbao, il festival Bilbao BBk live ospiterà sul suo palco artisti come Gorillaz, The XX, Chemical Brothers, Alt j e Noel Gallagher

Traena Music Festival

Nell’arcipelago Træna, dal 5 all’8 luglio 2018 si terrà il Traena Music Festival. Musica d’avanguardia norvegese e la vicinanza al circolo polare artico un incontro suggestivo che sarà difficile dimenticare

Festival internazionale di Benicassim (FIB)

Dal 18 al 22 luglio in Spagna, si terrà il festival culturale più che musicale di Benicassim, sulla costa dell’Azahar. Teatro, cinema, dj set e tanta musica rock e indie con le ospitate tra i tani dei The Killers.

Sonar

Ritorna dopo il successone dell’edizione 2017, a Barcellona nel mese di giugno e si rionferma anche l’appuntamento galiziano di La Coruna. Le arti multimediali come protagoniste e la musica avanzata. Trai big si vedranno Gorillaz, Bonobo ed Helena Hauff.

Awakenings

E’ la casa della musica Techno in Europa da ormai 18 anni. Awekings è il più grande festival al mondo dedicato alla techno e all’aperto. Oltre 70 mila visitatori nella scorsa edizione e quest’anno si punta alle stesse cifre. Quando? dal 30 giugno al 1 luglio a Spaarnwoud, non lontano da Amsterdam.

Categories: Eventi

La squadra del coraggio: gli undici di Amnesty International

No Comments

In occasione dell’apertura dei mondiali di calcio in Russia sempre disponibli a questo sito, puntiamo i riflettori su 11 campioni nel campo dei diritti umani che ogni giorno mettono in gioco la vita per difendere i diritti umani nel loro paese. La campagna “Squadra Coraggio” si occupa di 11 difensori dei diritti umani provenienti da ciascuna delle regioni della Russia in cui si svolgono le partite dei mondiali di calcio, sensibilizzando l’opinione pubblica sull’importanza del loro lavoro e promuovendo l’invio di messaggi di solidarietà per far sapere loro che non sono soli. Molti di questi difensori dei diritti umani hanno subito minacceintimidazioniaggressioni fisichediffamazioni e in alcuni casi arresti arbitrari per aver portato avanti il loro fondamentale lavoro. In particolare, tre dei componenti della squadra Coraggio o sono tuttora in prigione o i loro aggressori restano ancora sconosciuti.

LA SQUADRA CORAGGIO

Aleksei Sokolov (Yekaterinburg), attivista contro la tortura e altre violazioni dei diritti umani nel sistema penitenziarioVasiliy Guslyannikov (Saransk), fondatore dell’Ong Centro per i diritti umani della Repubblica di Mordovia. Oyub Titiev (Grozny), direttore dell’ufficio dell’Ong Memorial in Cecenia, in carcere dal gennaio 2018 per accuse artefatte. Andrei Rudomakha (Sochi), difensore dei diritti dell’ambiente, aggredito brutalmente nel 2017. Irina Maslova (San Pietroburgo), fondatrice di un movimento per difendere i diritti delle lavoratrici del sesso. Igor Nagavkin (Volgograd), impegnato nella lotta alla tortura e alla corruzione fino a quando non è stato arrestato nell’ottobre 2016Valentina Cherevatenko (Rostov sul Don), attivista per i diritti delle donneIgor Rudnikov (Kaliningrad), giornalista indipendente, impegnato in inchieste sulla corruzione fino a quando non è stato arbitrariamente arrestato nel 2017Oksana Berezovskaya (Samara), direttrice di un’organizzazione per i diritti delle persone LgbtiIgor Kalyapin (Nizhny Novgorod), fondatore del Comitato contro la torturaYulia Fayzrakhmanova (Kazan), difensora dei diritti dell’ambienteAleksei Sokolov (Yekaterinburg), attivista contro la tortura e altre violazioni dei diritti umani nel sistema penitenziarioVasiliy Guslyannikov (Saransk), fondatore dell’Ong Centro per i diritti umani della Repubblica di Mordovia. Oyub Titiev (Grozny), direttore dell’ufficio dell’Ong Memorial in Cecenia, in carcere dal gennaio 2018 per accuse artefatte. Andrei Rudomakha (Sochi), difensore dei diritti dell’ambiente, aggredito brutalmente nel 2017.

IL MECCANISMO DELLA FIFA PER SEGNALARE VIOLAZIONI DEI DIRITTI UMANI

Il 29 maggio, la Federazione internazionale delle associazioni calcistiche (Fifa) ha preso l’importante decisione di lanciare un meccanismo di denuncia che consentirà ai difensori dei diritti umani e agli operatori dell’informazione di segnalare violazioni dei diritti umani e d’impegnarsi a sostenere i difensori dei diritti umani e la libertà di stampa in relazione alle attività della Fifa.

Dato che i mondiali di calcio di Russia 2018 si apprestano a svolgersi in un clima di repressione nei confronti dei diritti umani, questo è un test per gli impegni e i meccanismi della Fifa. È possibile firmale la petizione.

Categories: Notizie Sport

Omaggio alla squadra di casa: come gioca la Russia ai mondiali 2018

No Comments

 

La squadra di casa è la Russia per questa edizione dei mondiale, la 21esima per la precisione. la squadra di mister Cherchesov è una formazione che ci tiene a dimostrare tutte le proprie abilità dinanzi al proprio pubblico, anche però con la consapevolezza di non essere sicuramente tra le favoritissime. Manca di qualità rispetto alle big però il suo obiettivo minimo è almeno quello di superare la fase a giorni dell gruppo A, come si evince anche dalle statistiche su www.bookmakerstranierionline.com.  La rosa di Cherchesov dovrà fronteggiare l’assenza di alcuni top player per infortunio, una tra le più importanti quella del bomber Kokorin. Vediamo insieme la lista dei convocati e come potrebbe giocare la Russia i suoi mondiali 2018.

I punti di forza

Tanta l’importanza dei riflettori per molti giocatori di casa che puntano a fare bella figura in previsione di militare in club più prestigiosi. Tra questi il portiere Akinfeev, saracinesca con grande sperienza. Centrocampo di muscoli ma con poca qualità, che certamente si farà sentire durante i match importanti con le grandi squadre, ma la nazionale interna ha messo le sue speranze su Golvin, tra gli interessi di molte squadre europee. In attacco Smolov ha la grande responsabilità di segnare per portare la squadra agli ottavi e soprattutto di sostituire il rimpianto Kokorin.

La probabile formazione della Russia

Dunque, la Russia ai mondiali dovrebbe giocare con il modulo 3 5 2. Difesa a tre davanti al portiere Akinfeev con i titolari Granat, Kutepov e Kudryashov. A centrocampo Samedov e Zhirkov sull’esterno mentre al ruolo di regia ci siaranno Kuzyaev, Dzagoev e Golovin.  In attacco Smolov è un giocatore sicuro della maglia da titolare. Al suo fianco non è che ci siano delle grandi alternative. I gemelli Miranchuk e Dzyuba partono alla pari, vedremo partita dopo partita chi giocherà. L’importante è quello della bella figura e di onorare un mondiale che per la prima volta visita la nazione, questo spiegherebbe la scelta di modulo e la formazione bilanciata pensata da mister Cherchesov. Vedremo cosa sarà capace di fare la Russia.

 

Categories: Sport

Alcune statistiche sui Mondiali di Russia 2018

No Comments

Nei primi giorni di campionato mondiale, per aiutarvi ad immergervi nel clima partita, vi proponiamo delle statistiche curiose e interessanti su Russia 2018.  In totale le squadre che cercheranno di conquistare la coppa del mondo saranno ben 32 e i calciatori che sono stati convocati sono 736. La statistica ci dice che, di questi convocati, ben 124 dai campionati inglesi, 81 giocatori dalla Liga e soltanto 58 calciatori provengono dal nostro campionato italiano. Un’altra statistica molto interessante è quella del giocatore più anziano che correrà sui campi russi. Stiamo naturalmente parlando di El Hadary, di 45 anni, mentre quello più giovane è un classe ’99. La squadra più rappresentativa di questa competizione è il Manchester City con ben sedici giocatori all’attivo.

I giocatori più convocati e quelli con più gol

Tra le statistiche per gli amanti del genere e degli almanacchi del calcio da aggiungere alle precedenti edizione mondiali possiamo vedere ad esempio i giocatori con più presenze che in Russia saranno Mascherano, Messi, Marquez, Neur, Ozil. Tra loro sempre Messi nella lista dei giocatori con più goal in attività, insieme a Muller, primo, seguito proprio dall’argentino, e con al terzo posto Higuain tutti presenti sulle guide di www.scommesselive.com insieme agli outsider per sperare di andare in cassa e godere di un mondiale pieno di scores.

L’Italia non farà parte di questa competizione

Siamo noi i grandi assenti della competizione che non è riuscita a qualificarsi a Russia 2018 dopo aver sempre timbrato la partecipazione dal 1958 e siamo senza parole certi che soffriremo molto durante la festa del calcio. Tra le grandi escluse ci fanno compagnia l’Olanda, gli Stati Uniti, il Camerun e la Cina Made in Italy di Lippi, ancora mancheranno la Turchia, l’Ucraina e il Galles, che avevano disputato un buon torneo europeo nell’edizione del 2016. Nomi e formazioni a cui ormai eravamo abituati e che mancano e mancheranno come un rituale che non avverrà più. Insieme alle esclusioni “eclatanti” ricordiamo anche la mancata partecipazione di Cile, Galles, Irlanda, Paraguay, Scozia, Turchia, Venezuela, Repubblica Ceca, Norvegia, Ungheria, Camerun. A guardare gli ultimi eventi mondiali, sino a Brasile 2014, le escluse potrebbero formare un altro interessante mondiale. Un mondiale B giusto per non farci sentire così soli!

Categories: Sport